BLOCCO DEL RINNOVO CONTRATTUALE, L’ ASU SI PREPARA A FARE RICORSO

Iniziativa legale dell’ASU contro il blocco del rinnovo contrattuale, per il recupero dello scatto di anzianità 2013 e in difesa del diritto sindacale alla contrattazione: con un unico ricorso, porta in tribunale davanti al giudice del lavoro le questioni che finora hanno maggiormente danneggiato economicamente i docenti italiani.
“La nostra azione giudiziaria – spiega l’avvocato Rinaldo Sementa responsabile dell’ufficio legale ASU – verte su quattro importanti aspetti, il primo riguarda il blocco del rinnovo contrattuale dichiarato illegittimo dalla Corte Costituzionale, poi la questione della progressione di carriera relativa al 2013, la sospensione dell’indennità di vacanza contrattuale, un istituto economico previsto dal contratto ma bloccato fino al 2018, e  anche la violazione del diritto dei sindacati alla contrattazione.”

Si evidenzia che, dal punto di vista economico, la perdita va dai 3mila ai 17mila euro a seconda dell’anzianità di servizio, al netto delle prestazioni previdenziali e del trattamento di fine rapporto lavoro, danno cui si cercherà di porre rimedio con i ricorsi in via di proposizione.